Giornata impegnativa

6 febbraio 2020
La prima buona notizia di stamattina è che la collega da cui sono andata a chiedere un suggerimento per un paziente arabofono, mi ha trovato esattamente quello che avevo in mente 🙂
A metà mattinata avevamo appuntamento dal partner locale per definire i passaggi essenziali del progetto: tutto è andato benissimo 🙂 Hanno accettato la calendarizzazione che avevamo proposto, i miei suggerimenti tecnici, la suddivisione del lavoro. Sembrava incredibile 🙂 Tornati in ufficio, ho trovato alcuni test che stavo cercando, praticamente al primo colpo, e esattamente quello che cercavo.

Dopo pranzo sono andata avanti con la preparazione del corso di formazione e con gli ultimi dettagli del progetto, visto che domani è l’ultimo giorno lavorativo. Tornando verso casa, la PM ed io abbiamo anche trovato un bel supermercato: in questo modo si è più indipendenti anche dall’auto 😉

Per cena sono venuti a prendermi a casa degli amici da G, per andare in un ristorante carino qui a B. Hanno passato il check point senza problemi e, vedendoli arrivare fuori dal cancello, ho notato qualche stranezza nell’auto… Dopo pochi chilometri, l’auto si è fermata, senza più dare cenni di vita 😦 Subito un capannello di persone si è fermato ad aiutarci e, dopo vari consulti, hanno fatto ripartire l’auto con i cavetti collegati a un’altra auto. La batteria però sembrava essere senz’acqua… Comunque, l’auto è ripartita e ci siamo diretti verso il ristorante: una salita piuttosto impervia ha fermato definitivamente l’auto 😦
L’abbiamo spostata verso un posto più in piano e poi abbiamo avuto la brillante idea di muoverla ancora: purtroppo ci è scappata di mano, ha attraversato una strada piuttosto grossa e si è andata a semi schiantare contro un’altra auto 😦 Nel giro di un secondo sono apparsi il proprietario dell’auto e un paio di bambini: la mia preoccupazione, visto che noi stavamo tutti bene, e che l’auto avesse potuto colpire qualcuno. Dopo qualche telefonata, inutile, all’assicurazione tutto il quartiere si è mobilitato per aiutarci a spostare l’auto e parcheggiarla in un posto abbastanza sicuro. Abbiamo tolto le targhe (motivi di sicurezza) e il proprietario dell’auto danneggiata ci ha portati al ristorante, una gentilezza infinita …
Nonostante l’inizio di serata tragico, abbiamo mangiato molto bene e passato del buon tempo 🙂

Tornata a casa, ho trovato che non c’era l’acqua calda e usciva solo un rigagnolo di acqua ghiacciata :-/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...